“Wheeling” di Hugo Pratt

Wheeling e Leggende indiane: la visione di un’epopea

51VKBXI7HJL._SX365_BO1,204,203,200_

La copertina dell’edizione Rizzoli-Lizard

Una delle questioni più annose, tra appassionati e storici del fumetto, è quella relativa alla nascita delle graphic novel. La diffusione in Italia dei romanzi grafici – per usare la traduzione letterale – si potrebbe collocare a cavallo tra anni Ottanta e Novanta con la pubblicazione dei volumi Maus di Art Spiegelman e La forza della vita di Will Eisner. Il clamoroso successo di entrambe le storie, da quel momento in poi, ha innescato la corsa degli editori per pubblicare questa specifica forma di racconto a fumetti. Bisogna però fare un passo, anzi svariati passi indietro nel collocare con precisione la nascita dei primi romanzi a fumetti. Seguendo un percorso rivolto al passato, sarebbe invece del 1978 – secondo buona parte della critica – il primo romanzo a fumetti della storia: Contratto con Dio di Will Eisner. Ma può essere smentita questa tesi? Perché a ben vedere, in Italia, già da alcuni anni antecedenti a quella data, sono cominciate alcune pubblicazioni che – per tipologia – si collocherebbero nella cerchia delle graphic novel: nel 1969, ad esempio, viene pubblicato Poema a fumetti di Dino Buzzati; mentre è del 1967 l’ormai celebre prima avventura di Corto Maltese Una ballata del mare salato firmata da Hugo Pratt; senza dimenticare – restando nell’ambito del fumetto popolare – la collana a fumetti introdotta dalla Sergio Bonelli Editore, a partire dagli anni Settanta, con il ciclo di storie Un uomo un’avventuraInfine, giusto per concludere questa puntualizzazione cronologica, risale al lontano 1962 la prima pubblicazione di Wheeling – ancor prima di Corto Maltese -, il romanzo di formazione di Pratt, il quale, non caso, ha coniato il termine di “letteratura disegnata” per definire la sua visione del fumetto.

Spazio e tempo

Quando si parla di Hugo Pratt, esiste sempre il pericolo di incorrere in cose già dette e ripetute fino alla nausea. Eppure, non bisognerebbe mai stancarsi di ricordare quanto importante sia stata la sua impronta autoriale all’interno dell’arte sequenziale (per par condicio, quest’ultima definizione è invece di Will Eisner).

“Spazio e tempo, che poi sono la stessa cosa…” afferma Corto Maltese nell’avventura Una ballata del mare salato. Non potrebbe esserci definizione migliore, per circoscrivere la sequenza temporale di un fumetto, dove lo spazio tra una vignetta e l’altra rappresenta concretamente un passaggio temporale. Mettere una vignetta sopra o sotto, a destra o a sinistra, significa attribuire agli eventi un determinato valore temporale. Lo sa bene Pratt, maestro indiscusso nella gestione delle sequenze, sin dai tempi delle sue primissime opere, in qualità di autore completo, come Anna nella Jungla e, appunto, Wheeling.

Q 000.jpeg

Una sequenza di Wheeling

L’Avventura con la “A” Maiuscola

Amore e amicizie, guerra e avventure, il Mito della frontiera americana e gli Indiani del West: indiscutibilmente Wheeling è un grandioso romanzo storico. Esso è composto da mille sfaccettature, che si confrontano in una complessa e sterminata prateria di eventi e personaggi. Una saga in cui si comincia a respirare l’impronta di quei grandi scrittori che non abbandonerà mai la filosofia, ma anche l’approccio di base, con cui Pratt ha sancito alcuni anni dopo il successo di Corto Maltese: la prosa potente di Jack London, l’impronta giornalistica di Ernest Hemingway, la denuncia verso la guerra di Joseph Conrad, il respiro dell’avventura e le contraddizioni psicologiche di Robert Louis Stevenson. Ma non soltanto, perché Wheeling è soprattutto una spassionata dichiarazione d’amore nei confronti dell’epopea americana del West: un lavoro durato una vita intera, dal momento che Pratt ha scritto la prima saga negli anni ’60, aggiungendone e completandone una terza a pochi mesi dalla sua morte.

pratt-1

Acquerello di Hugo Pratt

In ogni pagina, è sopraffino il lavoro dell’artista romagnolo: dallo stile grafico che cambia notevolmente da una saga all’altra, pur mantenendo sempre intatta la sua straordinaria capacità espressiva, fino al lirismo epico e letterario con cui Pratt arricchisce – come sempre – dialoghi e didascalie.

La filosofia di fondo, ovviamente, è la stessa che contraddistingue la maggiore parte della produzione prattiana: la visione negativa della guerra, intesa come una madre spietata e feroce che abbraccia e contamina la natura dell’essere umano. Il papà di Corto Maltese ne descrive gli orrori e le ingiustizie subendone al tempo stesso, però, il fascino romanzesco che da essa ne consegue. La guerra, in Wheeling, mette in luce la natura contraddittoria dell’uomo. E il carisma dei personaggi risiede proprio in queste mille sfaccettature.

Leggende indiane

Nell’edizione Rizzoli-Lizard, consigliatissima, a corredare il tutto c’è anche una piccola gemma, ossia Le Leggende Indiane. Si tratta di alcune storielle che raccontano miti e leggende dei nativi americani. Un ciclo di vicende brevi in cui, nell’arco di poche pagine, Pratt racconta con il suo stile – utilizzando anche una buona dose di ironia – alcune vicissitudini legate ai costumi e alla civiltà dei pellerossa. I disegni, e la conseguente documentazione grafica sui vari ornamenti indiani, sono un qualcosa di incredibilmente pregevole; senza dimenticare la consueta galleria di acquerelli a chiusura delle ultime pagine, testimonianza e patrimonio indiscusso del talento pittorico di Hugo Pratt.


Voto: 9,5/10


(Tutti i disegni e le foto che illustrano questo articolo sono 
Copyright degli aventi diritto)

 

Annunci

2 pensieri su ““Wheeling” di Hugo Pratt

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...